Esperti in diritto del lavoro dal 1977

Antonio Monachetti

antonio-monachetti
Antonio Monachetti

Nato a Larino l’8 settembre 1979, si è laureato presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Bologna nel marzo 2005.
Dopo la pratica forense, ha conseguito l’abilitazione nel settembre 2009 ed ha sempre svolto la professione di avvocato con specializzazione in diritto del lavoro e diritto sindacale.

Ha proseguito il proprio percorso di specializzazione con la frequentazione nel 2013 della biennale Scuola di Alta Formazione in Diritto del Lavoro Sindacale e della Previdenza Sociale promossa dall’AGI – Associazione Giuslavoristi Italiani, con il patrocinio del Consiglio Nazionale Forense.
Nel 2017 ha frequentato il Master in Gestione e riutilizzo sociale dei beni e aziende confiscate alle mafie. Pio La Torre organizzato dall’Università di Bologna – Facoltà di Giurisprudenza e nel settembre 2018 la Summer School “Lavoro e legalità: il lavoro nelle aziende sequestrate. Tutela del diritto al lavoro e potenziamento del bene azienda alla luce della riforma del codice antimafia” organizzata dall’Università di Bologna – Dipartimento Scienze Giuridiche.

Dal 2004 svolge attività di volontariato nell’Associazione Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie.
L’incontro tra l’impegno associativo e l’attività professionale e di studio, gli ha consentito di dedicarsi ad approfondimenti relativi alle procedure di sequestro e confisca, sia penali che antimafia, e alla tutela dei rapporti di lavoro e dei crediti nelle aziende sequestrate e confiscate.

Nel corso della propria attività professionale ha maturato esperienze di consulenza ed assistenza in controversie aventi ad oggetto licenziamenti, tutela del credito – anche di lavoratori in appalto -, illegittimità dei CCNL “pirata”, mansioni superiori, tutela della salute del lavoratore, illegittimità dei contratti atipici, ecc. Ha inoltre maturato competenza in materia di responsabilità civile e di risarcimento danni (colpa medica, infortuni, ecc).

E’ attualmente componente della Commissione di studio “Sintomi della crisi di impresa, ruolo del professionista” dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bologna.

È socio dell’associazione Comma2 e AGI Avvocati Giuslavoristi Italiani.

Ha patrocinato, con Alberto Piccinini e Mara Congeduti, la causa per la quale il Tribunale di Reggio Emilia (dott.ssa Elena Vezzosi) con ordinanza 28.2.2017 ha rinviato alla Corte Costituzionale la questione di costituzionalità dell’art. 92 secondo comma del codice di procedura civile (in materia di compensazione di spese) che ha deciso con sentenza del 19 aprile 2018, n. 77 dichiarando l’incostituzionalità della norma ed ampliando il perimetro della compensazione delle spese.